Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Messaggio  Edoardo il Gio Ott 16, 2008 10:52 pm

Questa sezione è volta all'informazione su ciò che è la legge 133 (testo completo reperibile su: http://www.camera.it/parlam/leggi/08133l.htm), e sulle possibili ricadute che essa può avere sull'università italiana e, in maniera particolare, sull'università La Sapienza.
Il primo passo verso una protesta coerente e credibile è una corretta informazione.
Per chi non abbia tempo per leggere l'intero testo della legge riporto di seguito alcuni articoli che ci interessano direttamente:

Art. 16.
Facoltà di trasformazione in fondazioni delle università

1. In attuazione dell'articolo 33 della Costituzione, nel rispetto delle leggi vigenti e dell'autonomia didattica, scientifica, organizzativa e finanziaria, le Università pubbliche possono deliberare la propria trasformazione in fondazioni di diritto privato. La delibera di trasformazione e' adottata dal Senato accademico a maggioranza assoluta [cioé 51%, ndr.] ed e' approvata con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. La trasformazione opera a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di adozione della delibera.

2. Le fondazioni universitarie subentrano in tutti i rapporti attivi e passivi e nella titolarità del patrimonio dell'Università. Al fondo di dotazione delle fondazioni universitarie e' trasferita, con decreto dell'Agenzia del demanio, la proprietà dei beni immobili già in uso alle Università trasformate.

3. Gli atti di trasformazione e di trasferimento degli immobili e tutte le operazioni ad essi connesse sono esenti da imposte e tasse.

4. Le fondazioni universitarie sono enti non commerciali e perseguono i propri scopi secondo le modalità consentite dalla loro natura giuridica e operano nel rispetto dei principi di economicità della gestione. Non e' ammessa in ogni caso la distribuzione di utili [allora perché lo dovrebbero fare? ndr.], in qualsiasi forma. Eventuali proventi, rendite o altri utili derivanti dallo svolgimento delle attività previste dagli statuti delle fondazioni universitarie sono destinati interamente al perseguimento degli scopi delle medesime.

5. I trasferimenti a titolo di contributo o di liberalità a favore delle fondazioni universitarie sono esenti da tasse e imposte indirette e da diritti dovuti a qualunque altro titolo e sono interamente deducibili dal reddito del soggetto erogante. Gli onorari notarili relativi agli atti di donazione a favore delle fondazioni universitarie sono ridotti del 90 per cento. [ma questa cosa quanto costa allo stato? ndr.]

6. Contestualmente alla delibera di trasformazione vengono adottati lo statuto e i regolamenti di amministrazione e di contabilità delle fondazioni universitarie, i quali devono essere approvati con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. Lo statuto può prevedere l'ingresso nella fondazione universitaria di nuovi soggetti, pubblici o privati.

7. Le fondazioni universitarie adottano un regolamento di Ateneo per l'amministrazione, la finanza e la contabilità, anche in deroga alle norme dell'ordinamento contabile dello Stato e degli enti pubblici, fermo restando il rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario.

8. Le fondazioni universitarie hanno autonomia gestionale, organizzativa e contabile, nel rispetto dei principi stabiliti dal presente articolo. [al CEPU con Del Piero!, ndr.]

9. La gestione economico-finanziaria delle fondazioni universitarie assicura l'equilibrio di bilancio. Il bilancio viene redatto con periodicità annuale. Resta fermo il sistema di finanziamento pubblico; a tal fine, costituisce elemento di valutazione, a fini perequativi, l'entità dei finanziamenti privati di ciascuna fondazione.

10. La vigilanza sulle fondazioni universitarie e' esercitata dal Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze. Nei collegi dei sindaci delle fondazioni universitarie e' assicurata la presenza dei rappresentanti delle Amministrazioni vigilanti.

11. La Corte dei conti esercita il controllo sulle fondazioni universitarie secondo le modalità previste dalla legge 21 marzo 1958, n. 259 e riferisce annualmente al Parlamento.

12. In caso di gravi violazioni di legge afferenti alla corretta gestione della fondazione universitaria da parte degli organi di amministrazione o di rappresentanza, il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca nomina un Commissario straordinario, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, con il compito di salvaguardare la corretta gestione dell'ente ed entro sei mesi da tale nomina procede alla nomina dei nuovi amministratori dell'ente medesimo, secondo quanto previsto dallo statuto.

13. Fino alla stipulazione del primo contratto collettivo di lavoro, al personale amministrativo delle fondazioni universitarie si applica il trattamento economico e giuridico vigente alla data di entrata in vigore del presente decreto.

14. Alle fondazioni universitarie continuano ad applicarsi tutte le disposizioni vigenti per le Università statali in quanto compatibili con il presente articolo e con la natura privatistica delle fondazioni medesime.

Art. 66.
Turn over

1. Le amministrazioni di cui al presente articolo provvedono, entro il 31 dicembre 2008 a rideterminare la programmazione triennale del fabbisogno di personale in relazione alle misure di razionalizzazione, di riduzione delle dotazioni organiche e di contenimento delle assunzioni previste dal presente decreto.

2. All'articolo 1, comma 523, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 le parole «per gli anni 2008 e 2009» sono sostituite dalle parole «per l'anno 2008» e le parole «per ciascun anno» sono sostituite dalle parole «per il medesimo anno» [legge del governo Prodi, comportava una riduzione dell'organico al 20% nel 2008 cioè per ogni persona che usciva se ne potevano assumere 0.2, ndr.].

3. Per l'anno 2009 le amministrazioni di cui all'articolo 1 [in cui c'è anche l'università, come specificato al comma 13], comma 523, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 possono procedere, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 10 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da assumere non può eccedere, per ciascuna amministrazione, il 10 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.

4. All'articolo 1, comma 526, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 le parole «per gli anni 2008 e 2009» sono sostituite dalle seguenti: «per l'anno 2008».

5. Per l'anno 2009 le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 526, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 possono procedere alla stabilizzazione di personale in possesso dei requisiti ivi richiamati nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 10 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da stabilizzare non può eccedere, per ciascuna amministrazione, il 10 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.

6. L'articolo 1, comma 527, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e' sostituito dal seguente: «Per l'anno 2008 le amministrazioni di cui al comma 523 possono procedere ad ulteriori assunzioni di personale a tempo indeterminato, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, nel limite di un contingente complessivo di personale corrispondente ad una spesa annua lorda pari a 75 milioni di euro a regime. A tal fine e' istituito un apposito fondo nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze pari a 25 milioni di euro per l'anno 2008 ed a 75 milioni di euro a decorrere dall'anno 2009. Le autorizzazioni ad assumere sono concesse secondo le modalità di cui all'articolo 39, comma 3-ter della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni.».

7. Il comma 102 dell'articolo 3 della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e' sostituito dal seguente: «Per gli anni 2010 e 2011, le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 523 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, possono procedere, per ciascun anno, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 20 per cento di quella relativa al personale cessato nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da assumere non può eccedere, per ciascun anno, il 20 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.

8. Sono abrogati i commi 103 e 104 dell'articolo 3, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

9. Per l'anno 2012, le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 523 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, possono procedere, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 50 per cento di quella relativa al personale cessato nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da assumere non può eccedere il 50 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.
10. Le assunzioni di cui ai commi 3, 5, 7 e 9 sono autorizzate secondo le modalità di cui all'articolo 35, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, previa richiesta delle amministrazioni interessate, corredata da analitica dimostrazione delle cessazioni avvenute nell'anno precedente e delle conseguenti economie e dall'individuazione delle unità da assumere e dei correlati oneri, asseverate dai relativi organi di controllo.

11. I limiti di cui ai commi 3, 7 e 9 si applicano anche alle assunzioni del personale di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni. Le limitazioni di cui ai commi 3, 7 e 9 non si applicano alle assunzioni di personale appartenente alle categorie protette e a quelle connesse con la professionalizzazione delle forze armate cui si applica la specifica disciplina di settore.

12. All'articolo 1, comma 103 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, come modificato da ultimo dall'articolo 3, comma 105 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 le parole «A decorrere dall'anno 2011» sono sostituite dalle parole «A decorrere dall'anno 2013».

13. Le disposizioni di cui al comma 7 trovano applicazione, per il triennio 2009-2011 fermi restando i limiti di cui all'articolo 1, comma 105 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, nei confronti del personale delle università. Nei limiti previsti dal presente comma e' compreso, per l'anno 2009, anche il personale oggetto di procedure di stabilizzazione in possesso degli specifici requisiti previsti dalla normativa vigente. Nei confronti delle università per l'anno 2012 si applica quanto disposto dal comma 9. Le limitazioni di cui al presente comma non si applicano alle assunzioni di personale appartenente alle categorie protette. In relazione a quanto previsto dal presente comma, l'autorizzazione legislativa di cui all'articolo 5, comma 1, lettera a) della legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente il fondo per il finanziamento ordinario delle università, e' ridotta di 63,5 milioni di euro per l'anno 2009, di 190 milioni di euro per l'anno 2010, di 316 milioni di euro per l'anno 2011, di 417 milioni di euro per l'anno 2012 e di 455 milioni di euro a decorrere dall'anno 2013.

14. Per il triennio 2010-2012 gli enti di ricerca possono procedere, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nei limiti di cui all'articolo 1, comma 643, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. In ogni caso il numero delle unità di personale da assumere in ciascuno dei predetti anni non può eccedere le unità cessate nell'anno precedente.



(Per i più interessati il testo della legge 296 del 2006 è reperibile qui:http://www.parlamento.it/leggi/06296l.htm)




Si è volutamente riportato il testo di legge senza alcun commento. Lascio ai membri del forum le analisi sul possibile impatto che tale legge può avere sull'università e, soprattutto, su studenti e ricercatori, che, dell'università, costituiscono il cuore pulsante.
avatar
Edoardo
Admin

Numero di messaggi : 61
Età : 29
Località : Roma
Data d'iscrizione : 16.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://ilchiostro.do-goo.com

Tornare in alto Andare in basso

chiarezza please

Messaggio  cla il Lun Ott 27, 2008 10:52 pm

scusate..mi professo ignorante in materia..ma mi dicono che fondazioni di diritto privato subentrerebbero al massimo al 50%..è vero questo?sta scritto da qualche parte,o è implicito nella definizione di "fondazione di diritto privato"?..se ciò fosse vero,non è vero che le nostre università perseguirebbero fini privati dei propri "padroni"..e neppure che le rette ammonterebbero a quanto loro vorrebbero..per favore chiariteMI il concetto!

cla

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 26.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Messaggio  federica il Lun Ott 27, 2008 11:23 pm

Non sappiamo quanto è la percentuale, supponendo che sia del 50%, ci sarà la possibilità a privati di entrare nel consiglio di amministrazione delle università, a seconda della percentuale che possiede. Questo comporterebbe una trasformazione delle università in aziende in cui il fine sarebbe fra i tanti quello di far quadrare il bilancio (cercando probabilmente anche guadagni), questo si potrebbe realizzare o con un grande investimento da parte dei privati oppure con un minimo investimento ma con una diminuzione dei costi fissi. Questi costi fissi comprendono lo stipendio dei professori, i costi di manutenzione, laboratori, e tasse degli studenti. La cosa che ci fa capire che saranno le tasse che aumenteranno è il fatto che in una università pubblica le tasse non possono coprire più del 20% delle entrate dell'università, mentre nelle fondazioni di diritto privato questo vincolo non c'è,senza considerare il fatto che non è possibile tagliare ulteriormente i costi dei laboratori, degli stipendi e i costi di manutenzione.
Ti riporto anche l'articolo 33 della Costituzione, per un riscontro ufficiale:

Art. 33.

L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

È prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale.

Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

I privati dovrebbero cominciare a fare i privati con i loro soldi e non con i soldi dello stato.
buona serata

federica

Numero di messaggi : 80
Età : 30
Località : roma
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Messaggio  federica il Lun Ott 27, 2008 11:27 pm

spero di essere riuscita a darti qualche chiarimento, per qualsiasi altra domanda poi chiedere pure, e cercheremo di risponderti.
ciao

federica

Numero di messaggi : 80
Età : 30
Località : roma
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

perplessità

Messaggio  cla il Lun Ott 27, 2008 11:39 pm

sei stata chiara e ti ringrazio..ma il punto 4 dell'articolo 16 lo è altrettanto...e seppure la domanda sorge spontanea "e allora che lo farebbero a fare?" dal momento che è scritto ed è legge,non credo (o spero) possano perseguire scopi di lucro a loro piacimento..

cla

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 26.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Messaggio  federica il Lun Ott 27, 2008 11:42 pm

Se l'università diventa fondazione di diritto privato, di conseguenza ne verrebbe influenzato l'indirizzo di ricerca dei vari dipartimenti, perchè dovrebbero finanziare ricerche che non porterebbero loro alcun guardagno...?

federica

Numero di messaggi : 80
Età : 30
Località : roma
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Scusate raga

Messaggio  Edoardo il Mar Ott 28, 2008 10:43 pm

Scusate raga:
Le fondazioni universitarie subentrano in tutti i rapporti attivi e passivi e nella titolarità del patrimonio dell'Università. Al fondo di dotazione delle fondazioni universitarie e' trasferita, con decreto dell'Agenzia del demanio, la proprietà dei beni immobili già in uso alle Università trasformate.


Nella legge si parla di TRASFORMAZIONE DELL'UNIVERSITA' IN FONDAZIONE DI DIRITTO PRIVATO. Quindi al 100%.
Solo per chiarire..
avatar
Edoardo
Admin

Numero di messaggi : 61
Età : 29
Località : Roma
Data d'iscrizione : 16.10.08

Vedi il profilo dell'utente http://ilchiostro.do-goo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legge 133 - Informazione, Articoli 16 e 66

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum