comunicato ANDU sul 180

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

comunicato ANDU sul 180

Messaggio  matteoettam il Lun Dic 01, 2008 8:40 pm

Lo ritengo molto interessante. buona lettura

matteo

------

ANDU - Associazione Nazionale Docenti Universitari

DL 180. E' (ANCHE) QUESTIONE DI SERIETA'

NON E' SERIO che se a una persona (Francesco Giavazzi) una mattina viene in
testa, per motivi suoi, che vadano bloccati i concorsi universitari gia'
banditi, vi sia un intero Governo che si precipita ad esaudirne i desideri.

NON E' SERIO che per farlo si ricorra ad un provvedimento URGENTE (il
decreto-legge 180/08), per correggere modalita' concorsuali
'tranquillamente' in vigore da 30 anni (i concorsi a ricercatore) o da 10
anni (concorsi a ordinario e ad associato).

NON E' SERIO che un'intera Commissione parlamentare (la Commissione
Istruzione del Senato) e un intero ramo del Parlamento (il Senato) vengano
costretti a prendere sul serio un provvedimento che non ha ne' capo ne'
coda e che certamente non avra' alcun rilevante effetto sui concorsi gia'
banditi che si dice di volere 'moralizzare'.

NON E' SERIO che gli organi di stampa, quasi all'unisono, titolino e
scrivano di 'messa a posto' dei baroni, quando il DL sostanzialmente non
riduce il potere baronale ('nuove' modalita' di composizione delle
commissioni), ma addirittura lo aumenta (possibilita' di 'trasformare' i
posti di ruolo in 'posti' precari). Il giornalismo italiano - si sa - non
e' d'inchiesta, ma 'limitarsi' spesso a fare da megafono ai poteri forti
accademico-politici e' troppo.

NON E' SERIO che Organi universitari, che ritengono di rappresentare
l'Universita', di fatto avallino le strampalate e dannose scelte
governative e, in alcuni casi, si stiano 'riposizionando' rispetto al
grande movimento universitario di protesta, arrivando anche a contrapporvisi.

NON E' SERIO che troppi docenti lascino al movimento il compito di
difendere l'esistenza stessa dell'Universita' statale, quando dovrebbero
per primi preoccuparsi e occuparsi di quello che e' il bene primario di un
Paese civile.

== NEL MERITO DEL DL 180

- 1. La 'follia' di intervenire su concorsi gia' banditi.
L'iniziale pretesa di Francesco Giavazzi era l'annullamento dei concorsi
gia' banditi. Volendo salvare capra e cavoli, invece il Governo e il Senato
hanno messo mano sulle modalita' di scelta di una parte dei componenti
delle commissioni di concorsi per i quali sono gia' scaduti i termini di
presentazione delle domande e per i quali sono stati gia' nominati i membri
'interni'.
Lo ripetiamo: e' una follia giuridica e accademica intervenire
su concorsi
gia' abbondantemente avviati, anche perche' si andra' incontro a una
sventagliata di ricorsi che potranno portare di fatto al loro blocco, come
abbiamo gia' scritto anche recentemente (v. il documento dell'ANDU "I
concorsi del DL 180 richiesto da Giavazzi" del 16.11.08, nota 1)
E certamente tale prospettiva non sara' evitata da quanto
deciso dall'Aula
del Senato: "le universita' POSSONO fissare per una data non successiva al
31 gennaio 2009 un nuovo termine di scadenza della presentazione delle
domande di partecipazione", come si legge nel comma 8-ter dell'art. 1 del
DL 180 (per il testo del DL approvato dal Senato v. nota 2). Tale
possibilita', se mai, aumentera' il 'materiale' per i ricorsi. Infatti, su
che base le Universita' decideranno o meno, per ogni singolo bando, la
riapertura dei termini di presentazione delle domande? Che senso avrebbe,
in particolare, che nello stesso settore alcuni concorsi siano 'riaperti' e
altri non lo siano? E soprattutto quando e' mai successo che nei concorsi
universitari si sia potuto presentare domanda DOPO che una parte della
commissione (il membro 'interno') era stata formalmente nominata?
E tutto questo per non cambiare praticamente nulla, visto che
il potere di
cooptazione personale, esercitato da decenni in questi finti concorsi, non
e' sostanzialmente intaccato per il fatto che nella Commissione rimane
presente il membro 'interno' e, soprattutto, rimane alla Facolta' (cioe',
di fatto, al 'maestro' che ha ottenuto il bando del posto da 'assegnare' al
proprio 'allievo') la possibilita' di non chiamare nessuno degli idonei,
nel caso in cui la commissione non dovesse idoneare colui per il quale il
posto e' stato bandito.

- 2. Istigazione al precariato.
La vera novita', devastante, del DL 180 e' quella contenuta nel comma 3
dell'art. 1:
"Ciascuna universita' destina tale somma per una quota non inferiore al 60
per cento all'assunzione di ricercatori a tempo indeterminato, nonche' di
contrattisti ai sensi dell'articolo 1, comma 14, della legge 4 novembre
2005, n. 230 (legge Moratti, ndr)".
Si tratta di una vera e propria istigazione alla precarizzazione: di
fronte al prossimo pensionamento di quasi la meta' degli attuali docenti di
ruolo e di fronte all'intollerabile e dannoso fenomeno di oltre 50.000
docenti precari, si consente di 'spostare' le risorse oggi impiegate per
pagare il personale di ruolo al reclutamento di altri precari, dando cosi'
nuova linfa al potere baronale. Un potere che dovra' comunque essere
combattuto nei singoli Atenei anche sul terreno dell'uso delle risorse per
il personale docente. Insomma non dovra' essere piu' tollerata la crescita
a dismisura del numero dei precari e dovra' essere imposto l'impiego delle
risorse per il bando di posti di ruolo, come chiedono giustamente anche i
precari (v. il documento "Alcune valutazioni sul DL 180", nota 3).

1 dicembre 2008

- Nota 1. Per leggere il documento dell'ANDU "I concorsi del DL 180
richiesto da Giavazzi" del 16.11.08 cliccare:
http://www.orizzontescuola.it/orizzonte/article21270.html
- Nota 2. Per leggere il nuovo testo del DL 180 approvato il 29.11.08 dal
Senato cliccare:
http://www.francesco.musacchia.name/2008/11/30/nuovo-dl-180senato/
- Nota 3. Per leggere il documento "Alcune valutazioni sul DL 180",
elaborato da dottorandi e precari di Roma, cliccare:
http://www.francesco.musacchia.name/2008/12/01/andu-2/

==========================
= per ricevere notizie dall'ANDU inviare una e-mail ad anduesec@tin.it con
oggetto "notizie ANDU"
= per non ricevere piu' notizie dall'ANDU inviare una e-mail ad
anduesec@tin.it con oggetto "rimuovi"
= per leggere i documenti dell'ANDU: www.bur.it/sezioni/sez_andu.php
oppure
http://www.orizzontescuola.it/orizzonte/modules.php?name=News&file=categorie
s&op=newindex&catid=66
= per iscriversi all'ANDU: http://www.bur.it/sezioni/moduliandu.rtf
== I documenti dell'ANDU sono inviati a circa 15.000 Professori,
Ricercatori, Dottori e Dottorandi di ricerca, Studenti, ai Presidi, ai
Rettori, al Ministero, ai Parlamentari e agli Organi di informazione.

matteoettam

Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 28.10.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum