crisi, repressione & co: APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MOBILITAZIONE CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

crisi, repressione & co: APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MOBILITAZIONE CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA

Messaggio  marco.gsx il Lun Gen 05, 2009 4:49 pm

APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MOBILITAZIONE CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA
Lun, 05/01/2009 - 12:17
autore:
Rete contro il Pacchetto Sicurezza

APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UNA MOBILITAZIONE
CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA IL 17 E 19 GENNAIO ’09

Il 19 gennaio prossimo comincerà in Senato la discussione del "Pacchetto sicurezza" (DdL 733), che provocherà una grande trasformazione del quadro normativo italiano, già fortemente repressivo e discrezionale nel suo impianto. Le norme contenute nel Pacchetto, infatti, prevedono una politica esplicitamente fondata su misure segregazioniste e razziste per le persone migranti, con o senza permesso di soggiorno, le prime a essere additate come figure pericolose e causa di "allarme sociale", e su nuove e ancora più drastiche misure repressive contro chiunque produca conflitto e non rientri dentro le strette maglie del controllo.

Le norme del pacchetto sicurezza colpiscono in primo luogo le persone migranti. Se il Pacchetto sarà approvato chi è senza permesso di soggiorno non potrà più: andare al Pronto Soccorso e ricevere cure mediche, riconoscere figli e figlie, sposarsi e inviare soldi a casa. Il Ddl introduce inoltre: la detenzione nei CIE (ex CPT) per 18 mesi; la tassa di 200 euro su richiesta e rinnovo del permesso di soggiorno; controlli ancora più stretti per acquisire la cittadinanza; il reato di ingresso illegale nello stato.

Altre norme, alcune già sperimentate sui/lle migranti, vengono estese al resto dei cittadini e delle cittadine che non si adeguano alla retorica del "decoro urbano": l'obbligo di dimostrare l'idoneità alloggiativa per ottenere l'iscrizione anagrafica (che colpisce migranti, senzatetto, occupanti e chiunque non possa permettersi un’abitazione “idonea”); le norme anti-graffito; l’inasprimento delle norme per il reato di danneggiamento.

Questo delirio securitario esplode mentre i governi decidono di sostenere le aziende e le banche in difficoltà, invece di pensare a nuove politiche sociali di sostegno alla cittadinanza colpita dalla crisi. Scaricando, tra l’altro, tutto il lavoro di cura sulle donne: in quest’ottica, l’unica immigrazione che sembra piacere è quella delle “badanti”. Ai sindaci e ai prefetti sceriffo si attribuiscono nuovi poteri, mentre il Ddl Carfagna criminalizza e stigmatizza le prostitute, imponendo norme di comportamento a tutte e tutti. La loro risposta alla crisi è il governo della paura. La risposta, in Italia come in Europa, da Milano a Castelvolturno, da Atene a Malmöe... è stato un grido di rabbia e libertà:

NON ACCETTIAMO LA SOCIETÀ DEL RAZZISMO DELLO SFRUTTAMENTO E DEL CONTROLLO!

Crediamo che sia importante continuare a stare in piazza oggi per rifiutare questo stato di cose e rivendicare libertà, diritti e autodeterminazione. Per questo invitiamo tutti e tutte a partecipare a un’assemblea pubblica che si terrà il giorno 8 gennaio ’09 alle ore 20.00 alla Snia (via Prenestina 173), per autorganizzare la manifestazione del 17 gennaio e un sit-in davanti al Senato nei giorni della votazione di questo disegno di legge.

- Contro il Pacchetto Sicurezza e il modello di società che impone
- Per l’abolizione immediata della Bossi/Fini, perché perdere il lavoro a causa della crisi rappresenta per le persone migranti una condanna alla clandestinità
- Per la regolarizzazione di tutte e tutti
- Contro il legame tra permesso di soggiorno e contratto di lavoro, dispositivo di controllo che imprigiona i migranti e le migranti e rende precaria la vita di tutte e tutti
- Contro le classi separate per i bambini e le bambine stranier@
- Contro la militarizzazione dei confini e delle città
- Contro l'ansia e la paura in cui vorrebbero farci vivere
- Per ripensare insieme un’idea di cittadinanza che garantisca a tutt@ i diritti fondamentali e la libertà di scelta e di movimento…

SABATO 17 GENNAIO, A ROMA, GIORNATA DI MOBILITAZIONE
SIT-IN DAVANTI AL SENATO NEI GIORNI DELLA VOTAZIONE

Invitiamo tutti e tutte – migranti, studenti e studentesse, scuole in mobilitazione, associazioni, movimenti di lotta per l’abitare, centri sociali, movimenti di donne, femministe e lesbiche, comitati di cittadini e cittadine, di precari e precarie, di lavoratori e lavoratrici, personale medico e sanitario, artisti e artiste – a partecipare, a moltiplicare le iniziative anche nelle altre città e a coordinarci per dare più voce alla nostra rabbia.

NOI NON ABBIAMO PAURA!

RETE CONTRO IL PACCHETTO SICUREZZA
pacchettosicurezza@anche.no

marco.gsx

Numero di messaggi : 8
Data d'iscrizione : 17.10.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum